21. Non essere attaccato a visioni dualistiche,

Poesia [1]Dal dramma Xìn Xīn Míng Canzone al cuore della fiducia,
del terzo antenato chan Jianzhi Sengcan.
Traduzione e commenti di Dokushô Villalba.
Edizioni io, 2008.

Due non lo sopportano, attenzione a non inseguirlo

Non essere attaccato a visioni dualistiche,
devi stare attento a non usarli o seguirli.

Commento:

dicotomie [2]Divisione di un concetto o di una questione teorica in due aspetti, soprattutto quando sono opposte o molto diverse tra loro. sono la base della nostra percezione automatica della realtà. Inconsciamente, dobbiamo identificarci con uno degli estremi per convincerci che il costrutto che chiamiamo “Me” è reale. Buddhadharma ci insegna che l'ego è un costrutto mentale immaginario. Il “io e il mio” sono necessari per funzionare nella nostra vita quotidiana, ma in fondo sono una costruzione priva di realtà intrinseca. Questo provoca una sensazione di mancanza, di sete di esistenza, che ci accompagna continuamente, che ne siamo consapevoli o meno.

Una delle strategie inconsce che usiamo per evitare la sensazione di vuoto causata da questo falso “Me” è attenersi a uno degli estremi in cui dividiamo la realtà. Questo attaccamento ci dà un falso senso dell'Essere che ci causa molti problemi associati a questa identificazione.. Dal momento che diventa qualcosa di così fondamentale per noi che trattenendolo arriviamo a considerarlo una questione di vita o di morte.. Infatti, È la vita o la morte di un'entità immaginaria che abbiamo creato, teniamo vivo nella nostra immaginazione e in ciò che crediamo di essere.

Il risveglio è la fine dell'immaginazione che abbiamo sulla realtà, la fine di ciò che pensiamo di essere ciò che siamo veramente. la nostra vera natura, è qui e ora in ogni momento, in attesa di essere aggiornati attraverso la consapevolezza di questo processo per imparare a liberarci da questi inutili attaccamenti, insoddisfacente e dannoso.

Così, “devi stare attento a non usarli o seguirli”. Vale a dire, diventare consapevoli di ciò a cui ci stiamo aggrappando e lasciando andare tutti gli attaccamenti con cui ci identifichiamo irrazionalmente, sii onesto e lascia andare tutto ciò che non porta pace e felicità a noi stessi e a tutti gli esseri che ci circondano.

altri biglietti:

Riferimenti

Riferimenti
1Dal dramma Xìn Xīn Míng Canzone al cuore della fiducia,
del terzo antenato chan Jianzhi Sengcan.
Traduzione e commenti di Dokushô Villalba.
Edizioni io, 2008.
2Divisione di un concetto o di una questione teorica in due aspetti, soprattutto quando sono opposte o molto diverse tra loro.

Chiesuola

tre × 4 =

7 + 5 =