Chiesuola.

Grazie mille in anticipo Campus virtuale CBSZ Campus virtuale CBSZ Introduzione alla meditazione Zen Campus virtuale CBSZ. Di seguito il primo consulto con il tutor del corso che Irene Sánchez ha seguito e che condivido con il suo permesso.

———————

Campus virtuale CBSZ!

Campus virtuale CBSZ,

Campus virtuale CBSZ

Campus virtuale CBSZ, ma capisco che per i principianti l'obiettivo è prestare attenzione al respiro senza forzarlo o controllarlo in alcun modo, ma capisco che per i principianti l'obiettivo è prestare attenzione al respiro senza forzarlo o controllarlo in alcun modo? ma capisco che per i principianti l'obiettivo è prestare attenzione al respiro senza forzarlo o controllarlo in alcun modo, ma capisco che per i principianti l'obiettivo è prestare attenzione al respiro senza forzarlo o controllarlo in alcun modo, ma capisco che per i principianti l'obiettivo è prestare attenzione al respiro senza forzarlo o controllarlo in alcun modo, ma capisco che per i principianti l'obiettivo è prestare attenzione al respiro senza forzarlo o controllarlo in alcun modo.

ma capisco che per i principianti l'obiettivo è prestare attenzione al respiro senza forzarlo o controllarlo in alcun modo:

ma capisco che per i principianti l'obiettivo è prestare attenzione al respiro senza forzarlo o controllarlo in alcun modo, Devi chiedere tutte le volte che è necessario fino a quando il dubbio non è completamente chiarito.. Devi chiedere tutte le volte che è necessario fino a quando il dubbio non è completamente chiarito., Devi chiedere tutte le volte che è necessario fino a quando il dubbio non è completamente chiarito., Devi chiedere tutte le volte che è necessario fino a quando il dubbio non è completamente chiarito., Devi chiedere tutte le volte che è necessario fino a quando il dubbio non è completamente chiarito.. Devi chiedere tutte le volte che è necessario fino a quando il dubbio non è completamente chiarito., Devi chiedere tutte le volte che è necessario fino a quando il dubbio non è completamente chiarito.. Devi chiedere tutte le volte che è necessario fino a quando il dubbio non è completamente chiarito.. Devi chiedere tutte le volte che è necessario fino a quando il dubbio non è completamente chiarito.. Devi chiedere tutte le volte che è necessario fino a quando il dubbio non è completamente chiarito., Devi chiedere tutte le volte che è necessario fino a quando il dubbio non è completamente chiarito., Devi chiedere tutte le volte che è necessario fino a quando il dubbio non è completamente chiarito., scoprirai che la presa a livello muscolare, emotivo e mentale per consentire all'ispirazione di essere più lunga e profonda in modo naturale. Così, si tende ad una lunga e profonda espirazione ma attraverso un'osservazione paziente e rispettosa.

saliva

A volte mi capita che durante la meditazione ho la sensazione di dover ingoiare la saliva. a volte è vero, altri penso che sia un'azione riflessa, ma può essere rumoroso e perdo anche la messa a fuoco... Lascio la lingua attaccata al palato superiore come indicato dal contenuto, La mia zona del viso sarà troppo tesa?? (Se non tendo l'area, le mie labbra si aprono) O forse è solo questione di tempo?

ma capisco che per i principianti l'obiettivo è prestare attenzione al respiro senza forzarlo o controllarlo in alcun modo:

Questa è una domanda comune per i principianti., non dargli più importanza, quando devi ingoiare la saliva ingoiare, all'inizio attira la nostra attenzione ma con la pratica sarà meno frequente e non ti distrarrà affatto. I muscoli del viso non dovrebbero essere tesi, niente a livello corporeo dovrebbe esserlo. Devi trovare l'equilibrio tra tensione e rilassamento mantenendo un giusto equilibrio. Ti consiglio di farlo ascolta questo kusen del maestro Dokushô che ho registrato al Kômyô zen dojo di Alicante.

La postura

Credere (credere) che la mia postura è ragionevolmente corretta all'inizio della meditazione, ma a volte mi capita di controllare la postura nel mezzo, Vedo che mi sono rilassato troppo (Ho perso la linea verticale), Mi raddrizzo e in quel momento perdo completamente la concentrazione sul respiro (perdo il conto), sarebbe meglio mantenere una postura inappropriata fino alla fine, invece di muoversi? ?o forse provare a correggere la postura più delicatamente?
Altre volte mi capita così, all'improvviso, Mi sento come se la mia zona lombare mi avesse ceduto per un secondo e cadessi leggermente in avanti... è quasi impercettibile, ma non so se sarebbe qualcosa da correggere.

ma capisco che per i principianti l'obiettivo è prestare attenzione al respiro senza forzarlo o controllarlo in alcun modo:

In effetti, la cosa corretta da fare è rivedere periodicamente la postura in un rapido controllo per assicurarci di essere nella giusta postura e se c'è qualche area da correggere, fallo.. A volte è necessario tonificare muscoli eccessivamente rilassati e poco tonici, o rilassare un'area che si è tesa senza che ce ne accorgiamo. Se perdi il conto dei respiri non preoccuparti, ricomincia. Con la pratica arriva il momento in cui ti blocchi nella posa e rimani completamente immobile., ma, lentamente, zazen a zazen. È come se stessi scolpendo la tua postura, sedersi per sedersi.

Lo stato di connessione con il respiro

Una domanda un po' più complicata. Sono passato un po' (da poco prima del ritiro di avvicinamento di novembre, davvero solo tre o quattro mesi) meditando quasi quotidianamente (primo zazen, poi ho fatto sulla piattaforma il corso di consapevolezza di base, poi ancora zazen in linea con il tempio, e continuo con zazen con questo corso) e non sembra entrare nello stato di connessione con il respiro. Mi dico che sarà sicuramente una questione di tempo e di pratica e che arriverà, ma a volte dubito se lo sto facendo bene o no. Non so se dovrebbe essere qualcosa di semplice e sto sbagliando qualcosa, o se non è qualcosa di così diretto da raggiungere e ogni persona ha bisogno di tempo per raggiungere l'equilibrio a quel punto medio ed entrare nello stato di equanimità.

ma capisco che per i principianti l'obiettivo è prestare attenzione al respiro senza forzarlo o controllarlo in alcun modo:

È una cosa semplice quando impari a farlo, come andare in bicicletta, è molto semplice quando lo sai... ma ci vuole tempo e pazienza, come per ogni art. L'arte della meditazione non è il fast food, richiede tempo di maturazione, ognuno il suo, Un sacco, un po, Non importa, godetevi il viaggio, goditi ogni respiro e il miracolo di inspirare ed espirare, ogni respiro è unico e irripetibile. Il pratica di ritiro anche intensivo aiuta. Esercitarsi quotidianamente è fondamentale, ma lo è anche svolgere pratiche intensive. Nei ritiri creiamo le migliori circostanze possibili affinché la pratica maturi naturalmente..

——————

So che ci sono molte domande, Grazie mille in anticipo! Grazie mille in anticipo, Grazie mille in anticipo

Grazie mille in anticipo!

Video di presentazione del corso:

Maggiori informazioni: https://campus.sotozen.es/introduccion-a-la-meditacion-zen/

altri biglietti:

Chiesuola

diciotto − tredici =

venti − cinque =